La casa editrice per bambini BABIDI-BÚ rappresenta un nuovo paradigma nell’ambito dell’edizione dei libri per bambini e ragazzi, attraverso il quale è possibile accogliere un gran numero di autori di talento, visto che essendo novelli, è per loro praticamente impossibile far conoscere le loro opere attraverso gli schemi editoriali tradizionali, ovvero pubblicare solo le opere di quegli autori che sono già riconosciuti e non rischiare su quelli sconosciuti dai lettori, anche se il loro libro merita… In questo articolo vogliamo parlare degli elementi da tenere in conto per scegliere una casa editrice per bambini.

Cosa succede quando gli editori seguono questo modello editoriale?

Qualcosa è già stata vista e dimostrata in molte occasioni: la Letteratura può arrivare a perdere importanti opere di successo mondiale, che a volte, grazie all’intervento di un editore con vero istinto editoriale, riescono a salvarsi e a vedere la luce. Ci sono un sacco di titoli che lo dimostrano, ad esempio Harry Potter, respinto da una serie di editori inglesi, fino a quando una piccola casa editrice, chiamata Bloomsbury, lo ha pubblicato.

Stava anche per essere rifiutata da loro. Il caporedattore non ha letto oltre la prima pagina del manoscritto. È stata sua figlia di 8 anni, che l’ha letto, ed è stata così entusiasta che ha detto a suo padre che doveva pubblicarlo. Meno male che l’ha ascoltata…

Ora io mi domando: «Come si sentono quelle case editrici conoscendo l’enorme successo avuto da quel manoscritto che un giorno loro stessi rifiutarono?» Io, come redattrice, non vorrei certo essere nei loro panni…

Questo è solo uno dei tanti esempi che formano la lista dei titoli di successo mondiale, che sono stati respinti da molti editori. Ma grazie alla perseveranza del loro autore, sono riusciti a vedere la luce. E dietro tutti c’è una storia umana, molte volte triste, perché il successo di queste opere è arrivato dopo la morte del proprio autore, come nel caso di John Kennedy Toole, autore Una banda di idioti, o più recentemente, la trilogia di Millenium, di Stieg Larsson.

Altre volte è piena di ostacoli e difficoltà, come è successo a Gabriel García Marquez quando ha voluto pubblicare Cent’anni di solitudine, anche se fortunatamente Gabo, come lo conoscevano nella cerchia di persone vicine, ha potuto godersi il successo del suo lavoro.

Il lavoro della casa editrice, rischioso

Ma è anche molto comprensibile l’atteggiamento della casa editrice che segue il tradizionale schema editoriale. Poiché le loro condizioni di pubblicazione sono condizionate da budget elevati. Si suppone che non oseranno rischiare nella pubblicazione di opere di autori sconosciuti sul mercato. Perché i costi di una pubblicazione di qualità sono molto alti. Prima che il lavoro raggiunga il lettore deve passare attraverso molti professionisti.

Maggiormente nel caso della letteratura infantile, i cui professionisti hanno bisogno di una preparazione un po’ speciale, che sarà proprio quella che determinerà la qualità del prodotto finale. D’altra parte, non dimentichiamo che una pubblicazione per bambini deve contenere illustrazioni, oltre ad un design accattivante.

A questi costi bisogna aggiungere quelli della stampa del libro. Nel caso dell’infanzia, doveva essere in una tipografia offset, perché fino a poco tempo fa era l’unico modo per ottenere un libro di qualità a buon mercato. Tuttavia, bisognava realizzare una grande tiratura di copie, che se non venivano vendute, significavano perdite per l’editore. Queste a loro volta determinavano le stampe future. Tutto ciò era un processo concatenato e dipendente. In cui se qualche fattore della catena falliva, condizionava il funzionamento successivo, portando anche al fallimento e alla chiusura della casa editrice (come è avvenuto in questi ultimi anni).

BABIDI-BÚ, l’editore per bambini da pubblicare

Fortunatamente i tempi cambiano, appaiono nuove tecnologie, e con esse si producono progressi e miglioramenti che danno luogo a un nuovo paradigma nell’edizione del libro per bambini e ragazzi. E questo è stato il caso della casa editrice per bambini BABIDI-BÚ, che utilizzando queste nuove tecnologie, è stata in grado di creare un nuovo modo di editare, basato soprattutto su un compromesso autore/editoriale, in cui entrambi collaborano per il successo e il profitto di entrambe le parti.

Pertanto, gli autori che vogliono pubblicare opere di qualità ma sono sconosciuti, non dovranno più percorrere questo arduo cammino per vedere pubblicato il proprio libro.

Questo è possibile grazie al grande progresso che ha avuto la stampa in questi ultimi anni. Non sono più necessarie grandi tirature di libri in stampa offset. Si possono avere libri di qualità stampando su richiesta. Ciò consente di modificare annualmente un numero di titoli molto superiore a quelli che si potevano realizzare prima, quando era possibile solo la stampa offset per il libro illustrato per bambini. Anche se non è escluso. Se c’è una grande richiesta di un titolo da parte dei lettori, questo viene stampato in questo modo.

Un altro punto importante a favore della stampa in piccole tirature è che permette di correggere eventuali errori di un libro. Tra gli editori siamo consapevoli che «il libro perfetto» nella sua prima edizione non esiste; c’è sempre qualcosa che «sfugge» e che si scopre quando il libro è già su carta. Ma allora cosa fare con tutte le copie di una grande tiratura?… Tuttavia oggi questo non è più un problema. Grazie alla stampa on demand, tutti gli errori possono essere corretti, arrivando a ottenere «quel libro perfetto».

come scegliere una casa editrice per bambini

Collaborazione tra autori ed editori

La nostra casa editrice, per poter accogliere gli autori novelli che hanno opere che meritano di essere pubblicate, segue un modello basato sulla «collaborazione». E in cosa consiste questa collaborazione? Semplicemente l’autore disporrá di tutti i mezzi per vedere la sua opera pubblicata, prima dovrà essere stata valutata e accettata dal dipartimento di lettura. Lui dovrà svolgere un lavoro di diffusione, facendola conoscere nel suo ambiente.

Così, le prime copie avranno la garanzia della vendita, e così saranno ammortizzati i costi di edizione del suo libro. Ciò consentirà la pubblicazione di tutte le opere che soddisfano i requisiti di qualità per quanto riguarda i loro contenuti. Senza che il loro funzionamento sul mercato condizioni e interferisca con i budget per la pubblicazione di progetti futuri.

In questo modo trovano posto nella casa editrice sia gli autori novelli che quelli già consacrati. La differenza è che l’autore sconosciuto dovrà fare un lavoro di diffusione della sua opera, per farsi spazio nel mercato. Una delle nostre autrici infantili e giovanili è Carmen Gil, con più di cento libri pubblicati in grandi editori, oltre ad aver ottenuto importanti premi sia a livello nazionale che internazionale e altri premi riconosciuti nella letteratura per bambini.

Evidentemente questi autori non dovranno impegnarsi molto nella diffusione della propria opera, perché i propri lettori, appena la vedranno sui canali di vendita, vorranno acquistarla. Questo é quando si dice che «si vende da sola». Ma questi autori hanno già da tempo svolto il compito di farsi conoscere, dovendo fare un duro lavoro, perché allora non esisteva la tecnologia attuale.

Oggi è diverso, è tutto molto più facile e veloce. Ma bisogna sempre contare nel coinvolgimento dell’autore nella diffusione della propia opera, oltre a poter contare su tutti i mezzi che l’editore può mettere a sua disposizione.

L’autopubblicazione, cosa signfica per una casa editrice per bambini

L’autopubblicazione, sebbene sia possibile nella letteratura per adulti, non è una cosa facile e di solito non ha buoni risultati nella letteratura per bambini. Perché? Perché questa ha bisogno di una serie di risorse che non sono alla portata di un autore alle prime armi. Ad esempio, buone illustrazioni, design e impaginazione. Adattamenti del testo in termini di vocabolario e sintassi.

Essere un’opera rimasta all’interno di una collezione. Che sia perfettamente adattata ad un’età, e che inoltre abbia una serie di caratteristiche basate sulla propria tematica. Questo rende molto più facile scegliere una lettura per quest’età. D’altra parte, avere queste collezioni con opere di autori riconosciuti, facilita abbastanza la diffusione delle opere di autori novelli.

Scegliere una casa editrice per bambini al servizio degli scrittori

D’altra parte, l’editore per bambini offre un trattamento piuttosto personalizzato agli autori. In altre parole, quando sono necessarie una serie di correzioni e modifiche, l’editore li contatta per eseguirle insieme. Con l’obiettivo di non spersonalizzare l’opera nel processo. E in questo, BABIDI-BÚ segue i vecchi schemi, cosa che molte case editrici, soprattutto quelle grandi e conosciute, non fanno piú. E questo è semplicemente il risultato di un concetto:

«Per la nostra casa editrice, dietro ogni opera c’è un essere umano con un’enorme speranza nel pubblicare il proprio libro, e può essere certo che disporrà di tutto l’aiuto necessario per ciò».

Se il tuo lavoro è abbastanza buono e attraente, e inoltre ti impegni a diffonderlo, c’è una concreta possibilità che prima o poi riuscirai a vincere. E, naturalmente, il riconoscimento da parte dei lettori. E di sicuro potrà contare su tutti gli strumenti necessari per realizzare il proprio compito divulgativo.

Il desiderio di BABIDI-BÚ, in definitiva, non è né più né meno che essere lo strumento per far sì che nessuna creazione di qualità rimanga senza la possibilitá di raggiungere il pubblico.

Pertanto, tutte le opere che soddisfano i requisiti di qualità indispensabili, e inoltre hanno l’impegno e la collaborazione da parte dell’autore, saranno pubblicate.

Maite Nieto.

Domande frequenti sugli editori

Quale editore scelgo per pubblicare un libro?

Dipende dalla tua opera. A seconda del libro, scegli la casa editrice più adatta alle proprie caratteristiche. Scegline una che ti consigli e che sia con te durante tutto il processo

Quali sono le formule di pubblicazione degli editori?

Ci sono tre formule: l’edizione tradizionale, l’autopubblicazione e la coedizione

Che difficoltà hanno le case editrici a pubblicare?

Devono rispettare un budget. Inoltre, dovranno sostenere i costi di pubblicazione, edizione, design e stampa. In alcuni casi, avranno bisogno di vendere un grande volume di tirature.

Che difficoltà ha lo scrittore a pubblicare?

Realizzare il design e l’impaginazione dell’opera, che abbia un aspetto professionale. Correzione, non solo ortografica, ma anche grammaticale. Allineare l’opera ad un’età, completare tutti i processi legali e le fasi da eseguire.

Perché scegliere la casa editrice per bambini e ragazzi BABIDI-BÚ da pubblicare?

Perché ti accompagnerà durante tutto il processo dalla ricezione dell’opera alla sua distribuzione. Il nostro team di professionisti sarà con te in ogni momento, accompagnandoti durante tutti i passaggi da seguire e tutte le formalità da compiere.

Com’è il lavoro della casa editrice infantile e giovanile BABIDI-BÚ con gli autori?

Offre un trattamento abbastanza personalizzato con gli autori, quando sono necessarie una serie di correzioni e modifiche, l’editore si mette in contatto con loro per realizzarli insieme, e facendo in modo che l’opera non perda la propria personalità nel processo.

Sii il primo a scrivere un commento.

Lascia un commento