I bambini, soprattutto quelli che stanno iniziando a leggere, possono avere alcune difficoltà a comprendere il messaggio che il libro stesso vuole trasmettere. A quel punto entrano in gioco le illustrazioni. In questo articolo daremo dei consigli su come illustrare una storia. Le illustrazioni sono infatti un supporto fondamentale per i piccoli, poiché li aiuta a imparare e crescere man mano che miglioreranno le loro capacità di comprensione.

Le illustrazioni che accompagnano i libri per bambini non solo aiutano i bambini a conoscere i personaggi coinvolti nella storia e a identificarli rapidamente, ma consentono loro anche di seguire visivamente il filo della storia, il che li aiuta ad approfondire e capire. Per questo motivo, sebbene la comprensione della lettura di questo pubblico di bambini non sia molto elevata, il supporto del testo attraverso l’uso di illustrazioni renderà loro più facile capire quale messaggio il libro stia cercando di inviare. È qui che risiede l’importanza delle illustrazioni quando si pubblicano opere per bambini.

Le illustrazioni danno vita alle storie e sono un complemento indispensabile per trasmettere correttamente il messaggio ai più piccoli. Il lavoro degli illustratori è una parte molto attiva del processo di editing di un libro. Pertanto, attraverso il nostro illustratore Iván Alfaro vi mostriamo come illustrare una storia e quali sono i passaggi da seguire:

Documentazione e incontro con l’autore

In questa prima fase della guida su come illustrare una storia, l’obiettivo è approfondire il tema e il racconto per illustrare una storia, e per questo contiamo sull’aiuto dell’autore del testo. Dopo aver letto la storia, cercheremo di incontrare l’autore e se non è possibile a causa della distanza geografica, organizzeremo una conversazione telefonica o una videochiamata su Skype. In questo incontro la prima cosa che faremo sarà scegliere lo stile visivo generale del libro.

“Durante i miei anni di lavoro come illustratrice ho sviluppato stili diversi nel design dei personaggi: alcuni più infantili, altri più adolescenziali e con diversi livelli di dettaglio a seconda del pubblico di destinazione. Chiedo all’autore di consultare il mio portfolio di illustrazioni in modo che possa scegliere lo stile che gli piace di più e quello che meglio si adatta al progetto. Chiedo anche riferimenti personali che desideri si riflettino visivamente nell’illustrazione. Ad esempio, nel libro “Un dolce abbraccio”, di Sarai Bertomeu, l’autrice mi ha chiesto che la protagonista avesse un aspetto specifico, soprattutto nel disegno della sua acconciatura chiedendomi di inserire un fiocco e i capelli mossi.”

E nel libro “Cerco un compagno per il giorno di Natale”, Mariel, la sua autrice, ha voluto che la sua storia si svolgesse in una foresta con luoghi emblematici del paese in cui vive, come pozzi, ponti e cascine. Ogni dettaglio rende il libro un po’ più personale e lo riempie della sua essenza e delle sue esperienze. Se necessario, chiedo fotografie e immagini che servano da riferimento e mi aiutino a svolgere il progetto. mi piace attirare l’attenzione dei giovani lettori con personaggi comici, che trasmettono tenerezza, e con forme grandi e definite. Nelle mie illustrazioni il colore predomina sullo stile. Mi piace combinare colori brillanti con un forte contrasto.

Schizzi e design del personaggio

In questa fase inizio a progettare il/i personaggio/i principale/i. Dopo uno studio di diversi disegni, scelgo la bozza che meglio esprime l’essenza del personaggio e ne realizzo una versione finale a colori. Per fare questo, la prima cosa che faccio è scegliere una tavolozza di colori per il libro. Il mio stile è caratterizzato da una gamma cromatica brillante e vivida, in cui includo una varietà di sfumature abbastanza ampia e contrastante.

Poi continuo a disegnare i personaggi secondari, in base al disegno generale del libro e alle caratteristiche di disegno del personaggio principale, in termini di anatomia e proporzioni.

Layout del testo e storyboard

Prima di iniziare a illustrare la storia, è necessario sapere quali parti del testo sono importanti e fondamentali nella storia per sceglierle e completarle con l’illustrazione. È anche importante sapere il numero totale di pagine che il libro avrà. In questo modo sapremo quanto spazio abbiamo nel formato per la nostra illustrazione.

Una volta diviso il testo, è il momento di realizzare lo storyboard, un insieme di illustrazioni presentate in sequenza con l’obiettivo di fungere da guida per comprendere la storia e pianificare la struttura del libro. La storia è fondamentalmente una serie di vignette ordinate secondo la narrazione del testo. In questo modo potremo regolare esattamente il numero di illustrazioni di cui la storia ha bisogno. Personalmente mi piacciono le pagine di un libro illustrato per combinare e alternare primi piani e campi lunghi, per renderlo visivamente più ricco e vario.

Per la realizzazione di ogni scena mi piace fornire una visione complementare al testo, con una propria personalità e nuove sfumature che non sono presenti nella lettura. Penso che dovrebbe contenere la mia stessa essenza di illustratrice. Quando leggo il testo, immagino la scena e le cose di cui il testo non racconta e che arricchiscono visivamente la lettura.

In questa fase componiamo anche il design illustrazione+testo e come si relazionano tra loro. A volte vogliamo che il testo sia intrecciato con l’illustrazione e altre volte che sia semplicemente un blocco come paragrafo su una pagina accanto all’illustrazione, o integrato in essa. Nel formato dell’album illustrato, ad esempio, l’illustrazione assume grande risalto e si ricerca un abbinamento speciale con il testo. Nel libro “Un dolce abbraccio”, nella pagina che parla della ragazza protagonista con il nonno, ho disegnato una composizione in cui dalla lampada esce una scia di stelle che delimita il testo che si trova accanto all’illustrazione.

Illustrazione di scene e colorazione

In questa parte del processo realizzo una versione più elaborata e dettagliata delle scene delineate nello storyboard e poi mi preparo a colorarle digitalmente. Per iniziare, su Photoshop preparo il file nel formato adatto alla stampa, a dimensione libro + smarginatura a 300 dpi. Lavoro nel formato di colore RGB, il più appropriato sullo schermo. Presento lo schizzo a matita e partendo da lì comincio a disegnare e dipingere tutte le forme, utilizzando la gamma di colori che ho scelto in precedenza durante la creazione della tavolozza dei colori.

Raggruppo gli elementi in cartelle separate per semplificare la modifica dell’immagine in un secondo momento. Su Photoshop utilizzo pennelli e tecniche pittoriche simili alle tecniche tradizionali come acquerello o tempera e utilizzo immagini scansionate di varie carte sovrapposte in diversi metodi di fusione, che conferiscono all’immagine finale un aspetto ruvido di carta.

Quando ho le illustrazioni finali, le converto nella modalità colore CMYK, quella adatta per la stampa, e le consegno per il layout successivo del libro.

Riepilogo e passaggi di come illustrare una storia

Come illustrare una storia per bambini

Documentazione e incontro con l’autore o l’autore

L’obiettivo è conoscere più da vicino il tema e la trama della storia da illustrare, e per questo conto sull’aiuto dell’autore del testo. In questo incontro la prima cosa che facciamo è scegliere lo stile visivo generale del libro.

Crea il layout del testo

Per illustrare una storia, é necessario stabilire quali parti del testo sono importanti e fondamentali, sceglierle e completarle con l’illustrazione. È importante farlo prima di iniziare a distribuire il testo per tutto il numero di pagine che il libro avrà.

Crea lo storyboard

Consiste nel realizzare una serie di illustrazioni presentate in sequenza con l’obiettivo di fungere da guida per comprendere la storia e pianificare la struttura del libro. La storia è fondamentalmente una serie di vignette ordinate secondo la narrazione del testo.

Illustrazione di scene e colorazione

In questa parte del processo realizzo una versione più elaborata e dettagliata delle scene delineate nello storyboard e poi mi preparo a colorarle digitalmente. Per iniziare, su Photoshop preparo il file nel formato adatto alla stampa, a dimensione libro + smarginatura a 300 dpi.

Consegna dell’opera per impaginazione

Quando ho le illustrazioni finali, le converto nella modalità colore CMYK, quella adatta per la stampa, e le consegno per il layout successivo del libro.

Iván Alfaro, passione per l’illustrazione

Iván è nato a Valencia e fin da bambino si è immerso nel mondo delle storie e della fantasia, iniziando a disegnare i propri libri. Da allora ha dato vita a personaggi che parlano del suo universo magico, costruendo così un ponte tra la sua infanzia e quello degli amanti delle fiabe. Conosciamo qualcosa in più su uno degli illustratori BABIDI-BÚ.

Come hai iniziato a illustrare libri per bambini?

Anni fa ho disegnato un portfolio e l’ho inviato a diversi editori che all’epoca mi piacevano e con cui volevo lavorare. Ho ricevuto risposte da alcuni ma nessuna offerta di lavoro. Ho continuato il mio lavoro di grafico pubblicitario in pubblicità, e poco tempo dopo un’agenzia di illustratori in Australia si è interessata al mio lavoro e con loro ho pubblicato il mio primo racconto, “Little Bulldozer” di cui ho già illustrato due sequel. Poi ho approfittato del fatto che stavo finendo il mio lavoro nella pubblicità per cercare nuove opportunità nel mondo dell’illustrazione per bambini e ho ricevuto proposte per illustrare nuovi libri da altre case editrici, tra cui BABIDI-BÚ.

Come definiresti il ​​tuo stile artistico nelle illustrazioni?

Mi piace creare illustrazioni evocative che trasportano il lettore in un mondo onirico. Penso che le mie illustrazioni trasmettano tenerezza e magia, ispirate al mondo della fantasia. Sono presenti colori accesi con un forte contrasto e in alcune occasioni riduco la tavolozza dei colori per dargli un’aria più nostalgica. Faccio uso di trame e contrasti di luce che conferiscono alle scene espressività e profondità. In altre illustrazioni mostro un personaggio più comico e divertente, con bambole e tanti colori vivaci.

Com’è l’esperienza di illustrare storie per bambini in BABIDI-BÚ?

Illustrare i libri per Babidi-bú è un’esperienza arricchente, ho potuto lavorare al fianco degli autori ed essere parte del processo per realizzare l’illusione di pubblicare le loro storie mi rende molto felice. Inoltre, la casa editrice produce libri di alta qualità, con belle finiture, che attirano l’attenzione di piccoli e grandi lettori.

Qual è il tuo sogno più grande come professionista dell’illustrazione per bambini che devi ancora realizzare?

Ho ancora tanti sogni da realizzare! Il mio sogno più grande è continuare a lavorare su questo per tutta la vita e diventare un vecchio che illustra libri per bambini. Mi piacerebbe molto anche illustrare un classico della letteratura per bambini e ragazzi, perchè ho molti ricordi d’infanzia con grandi personaggi e vorrei portarli in vita…

Sii il primo a scrivere un commento.

Lascia un commento